È uscito il Certificate Journal n.716

  • Print
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • PDF

Dopo il Salone del Risparmio, in queste ore si sta svolgendo Investing Roma. Un nuovo momento di incontro tra professionisti del settore degli investimenti e risparmiatori che torna alla consueta formula live. Un altro segno che, seppur lentamente e con qualche difficolta in più rispetto al passato, si è aperta la strada verso quella normalità persa 18 mesi fa. In questo stesso periodo l’industria dei certificati di investimento ha mostrato l’elevata flessibilità che la contraddistingue e ha portato sul mercato una serie di innovazioni con il fine di ottimizzare il profilo di rischio-rendimento. In alcuni casi, sono state riprese anche emissioni che in momento di mercato diversi non avevano riscosso successo e che ora potrebbero tornare utili. E’ il caso degli One Star, certificati che hanno visto la luce tre anni fa, che grazie a questa particolare opzione best of che in determinate situazioni può togliere le castagne dal fuoco. Una nuova emissione di Exane ha aperto le porte a uno speciale dedicato a questa struttura. Il certificato della settimana guarda, invece, ad oriente ed in particolare a massimizzare, facendo leva sulla classica struttura dei Cash Collect, a un eventuale stabilizzazione o recupero dei titoli tech cinesi dopo i profondi ribassi dell’ultimo periodo.
Un altro tema sotto la lente è il petrolio arrivato alla soglia degli 80 dollari e offre diversi spunti tecnici che possono essere cavalcati con l’ampia gamma di certificati a leva disponibili in quotazione. Restando in tema, martedì andrà in onda la terza puntata di approfondimento sui Turbo promossa da Unicredit mentre per giovedì è prevista la pillola formativa sugli investiment realizzata in collaborazione con Webank.

Se vuoi continuare a leggere l’articolo vai sul CJ n.716

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

Lascia un commento