BUY & HOLD

  • Print
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • PDF

Il fascino dei titoli senza cedola con la Scudo Zero Coupon

 L’investimento in titoli senza cedole, ha da sempre catturato l’attenzione degli investitori, in particolar modo dei cassettisti. Date le loro caratteristiche, infatti, sono prodotti che ben si sposano con una strategia solitamente di tipo buy&hold, per la creazione di un capitale nel lungo termine. La volatilità dei prezzi che sta caratterizzando le principali curve del mercato obbligazionario, accentua la reattività dei corsi di tale tipologia di bond, che, per propria natura, presenta una duration molto più elevata al pari di un classico investimento a tasso fisso, proprio per l’assenza di cedole distribuite nel durante.

E’ bene chiarire fin da subito che, per propria natura, i titoli Zero Coupon ovvero senza cedole e per tal motivo emessi sotto la pari, si contraddistinguono per una durata finanziaria (duration) più elevata rispetto ad un classico bond che prevede la distribuzione di cedole. Questa caratteristica, assolutamente non trascurabile, rende di fatto tali strumenti più reattivi al mutamento delle aspettative circa i tassi di interesse. La duration infatti, esprime il tempo medio che l’investitore deve necessariamente attendere prima di ricevere il rimborso di capitale e interessi. Poiché il tempo medio è ponderato per l’entità dei pagamenti che l’investitore riceve sotto forma di cedole, se il capitale è restituito interamente a scadenza (Zero Coupon), la duration del titolo sarà pari esattamente alla durata del titolo stesso, così come sarà prossima alla scadenza nel caso di flussi cedolari estremamente bassi.

Scendendo ora nel dettaglio, in un contesto di mercato che vede una profonda incertezza sull’azionario, gli Zero Coupon potrebbero tornare decisamente utili per la costruzione “in casa” di strategie rialziste a capitale protetto, affiancando al bond, per la parte residua rispetto al nominale, un indice di mercato. In tale ottica, anche qualora la scommessa azionaria non dovesse rilevarsi fondata, il rimborso al nominale dell’obbligazione, garantisce in ogni caso, la protezione del capitale investito.

Sebbene il panorama delle obbligazioni Zero Coupon non sia così vasto, si segnala tuttavia la Scudo Zero Coupon targata Barclays Plc che offre oggi un discreto ritorno se parametrato alla solidità dell’emittente.

Il generalizzato repricing del rischio che sta colpendo anche i titoli corporate, in particolar modo quelli del settore bancario, ha nuovamente spinto sui massimi dalla sua emissione, il rendimento della Scudo Zero Coupon. Emesso al 67% del valore nominale nell’ottobre 2009, il bond è oggi acquistabile a 68,49 euro, con un rendimento implicito del 5,174%, ovvero circa 330 punti base (bp) in più rispetto alla curva di riferimento dell’area Euro (Euro Benchmarks Curve). Data la scadenza prevista per il 6 ottobre 2019, la duration aggiustata del titolo è oggi pari a 7,497. A giustificazione dello yield offerto, tornato sui massimi dall’emissione, vi è da un lato il movimento avverso della curva dei rendimenti, con lo spread tra la curva risk free dell’area Euro e la EUR Bank AA- cresciuto in un anno di oltre 170 bp sulla scadenza decennale, e dall’altro i livelli raggiunti dalla curva dei CDS a 5y dell’emittente, passata nel medesimo periodo da 112 bp agli attuali 250 bp.


 

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

Lascia un commento