È uscito il Certificate Journal n.705

  • Print
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • PDF

web537_300x350

L’annuncio del raggiungimento dell’accordo bipartisan su investimenti in infrastrutture da 1200 mld da parte del presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha fatto calare, almeno per il momento, l’attenzione sull’inflazione e sui tassi. Wall Street continua così a macinare record e trascina dietro di sé le piazze finanziarie di Europa e Asia.

In questo clima positivo, un modo per mettersi al rifugio da eventuali temporali estivi, è quello di scegliere i cavalli giusti su cui puntare. In questo senso siamo andati a guardare all’interno della nuova gamma di Cash Collect Memory di Unicredit che offre un ampio ventaglio di diversificazione a livello settoriale.
Diversamente si può anche scegliere quelle che sono le strutture più difensive senza prescindere, tuttavia, dalla selezione del sottostante. Un esempio lo è un Phoenix Memory di UBS scritto su Enel, Intesa Sanpaolo e Ferrari che con una barriera al 55% offre un ampio cuscinetto di protezione senza rinunciare al rendimento di poco inferiore al 7% annuo.
La diversificazione poi passa anche dalla scelta di asset decorrelati come possono essere i metalli preziosi. Tra questi, l’argento dopo i massimi a 30 dollari ha ripiegato fino ai 26 dollari correnti. Per chi volesse prendere posizione senza dover far ricorso ai future può guardare all’ampia offerta di certificati leverege.

Per quanto riguarda gli appuntamenti salienti, la settimana si apre con il Club Certificate a cui seguirà il Webinar di Leonteq. Mercoledì la finestra si aprirà sul segmento leverage con BNP Paribas.

Se vuoi continuare a leggere l’articolo vai sul CJ n.705

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

Lascia un commento