IDEE DAL CEDLAB

  • Print
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • PDF

Due su tre. Si chiude con un saldo positivo l’Express-day di Deutsche Bank e il CedLAB festeggia.

 Ci eravamo lasciati sette giorni fa con l’imminente osservazione intermedia di ben tre certificati Express emessi da Deutsche Bank, chiamati il 24 gennaio quantomeno a pareggiare i livelli strike rilevati all’emissione per permettere il rimborso anticipato del nominale maggiorato di un coupon. I sottostanti su cui si è concentrata l’attenzione del CedLAB e degli investitori sono stati l’Eurostoxx 50, il titolo bancario Intesa Sanpaolo e l’oro. Come era prevedibile, dato l’ampio margine sul livello trigger, ha centrato facilmente l’obiettivo rimborsando 105,7 euro l’Express scritto sull’indice delle blue chip europee. E’ stato invece in bilico fino all’ultimo, l’esito delle altre due rilevazioni, in considerazione della vicinanza tra i valori spot e quelli necessari per il rimborso. Una vera e propria beffa è stata servita a chi contava di ottenere 107 euro dal rimborso anticipato dell’Express sull’oro, puntando sul fatto che a meno 6 ore dalla rilevazione, programmata alle ore 16:00 sulla base del fixing ufficiale comunicato dal LBMA, le quotazioni erano ancora superiori ai 1675,5 dollari del trigger. La discesa iniziata nella tarda mattinata ha invece fatto fermare il fixing a 1671 dollari, un valore insufficiente che ha fatto slittare la prossima osservazione intermedia a gennaio 2014. Meglio è andata ai possessori dell’altro certificato, l’Express su Intesa Sanpaolo, che per via della volatilità del sottostante e dell’elevato coupon associato al richiamo anticipato automatico ( 15,85%) si è prestato a diverse opportunità di trading prima di centrare l’obiettivo del rimborso.  Con le ultime operazioni portate a termine, il saldo delle opportunità segnalate dal CedLAB è salito al 68,75% dal 30 aprile 2012.

24/1/13 – Express su Eurostoxx – centrato!

L’Express di Deutsche Bank su Eurostoxx 50 identificato da codice Isin DE000DE2LYM8 ha fissato il 24 gennaio il livello di chiusura del sottostante per la prima data di rimborso anticipato. La rilevazione a 2722,96 punti, superiore ai 2441,44 punti dello strike, ha consentito la liquidazione di 105,7 euro, un importo superiore ai 105 euro a cui sono stati conclusi diversi scambi fino alla vigilia. Da segnalare che al momento della segnalazione del CedLAB, il buffer sul trigger dell’Eurostoxx 50 era pari al 10%.

24/1/13 – Express su Intesa Sanpaolo mordi e fuggi

L’Express di Deutsche Bank su Intesa Sanpaolo, identificato da codice Isin DE000DE2LYN6, ha fissato il 24 gennaio il livello di chiusura del sottostante per la prima data di rimborso anticipato. La rilevazione a 1,499 euro, superiore ai 1,456 euro dello strike, ha consentito la liquidazione di 115,85 euro, un importo superiore anche del 2,16% ai valori lettera rilevati sul Sedex fino a poche ore prima della chiusura.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

Lascia un commento