Uno squalo a Piazza Affari

  • Print
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • PDF

Con un miliardo e trecentotrentaquattro milioni di abitanti, una cifra pari al 20% dell’intera popolazione mondiale, a fine 2010 la Cina era il Paese più popoloso al mondo secondo gli ultimi dati comunicati dal National Bureau of Statistics e la sua economia, come ammesso recentemente anche dal Giappone, che per 42 anni è stato saldamente alle spalle degli Stati Uniti, è la seconda in termini di crescita a livello globale.

Con questi numeri, la Cina si afferma prepotentemente sul panorama mondiale e torna ad essere tra i mercati più interessanti anche per chi si occupa di asset allocation. Una dimostrazione del ritorno di fiamma del Dragone tra gli emittenti di prodotti finanziari la si avverte osservando il numero di nuovi strumenti che vedono un indice cinese come sottostante. Questa settimana, il Certificate Journal si tinge quindi di rosso per proporvi l’analisi di tre certificati legati all’indice Hang Seng China Enterprises: un inedito Shark Rebate ( il certificato con la pinna dello squalo ) firmato Macquarie, protagonista dell’Approfondimento, un Athena Worst Of di BNP Paribas analizzato come Certificato della settimana, che vi consiglio di andare a leggere subito per non perdere il treno delle occasioni, e un Express di Deutsche Bank a cui è dedicato il focus nuova emissione.

L’indice delle H-Shares cinesi quotate ad Hong Kong è inoltre sottostante dell’Equity Protection di Banca IMI, protagonista della copertina di febbraio del nostro speciale calendario, che ha centrato l’obiettivo rispettando le attese. A tutta Cina, quindi, ma c’è anche una buona dose di opzioni Express in questo numero, con le opportunità di breve termine di un Athena sull’Eurostoxx 50 e il focus del Punto Tecnico sulle strutture a rilevazione intermedia.

Buona lettura!

Pierpaolo Scandurra

Per maggiori approfondimenti clicca qui

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

Lascia un commento