PRECARIO EQUILIBRIO

  • Print
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • PDF

Italia, non è ancora finita. Così si apriva l’Approfondimento del Certificate Journal numero 238 dello scorso 20 luglio, dedicato alla presentazione dei migliori certificati sul FTSE Mib con barriere fissate in quella che può definirsi una zona d’ombra, ovvero nel range compreso tra i 12332 punti del minimo del 9 marzo 2009 e i 15000 punti. Già reduce da una brusca flessione superiore al 20% dai massimi annuali di metà febbraio, l’indice FTSE Mib, con i suoi 18370 punti, al momento della nostra analisi non godeva certamente di buona salute; ma l’ulteriore perdita di oltre 3000 punti in soli quindici giorni, dopo che ne erano stati già lasciati sul terreno circa 5000 dai precedenti massimi, ha reso l’estate degli investitori italiani una delle peggiori che si ricordi. Tirando le somme, prima di rimbalzare e recuperare area 15500 punti, l’indice FTSE Mib è crollato fino ad un minimo di 14100 punti, causando la rottura delle barriere di cinque dei certificati che avevano la soglia invalidante nella fascia a ridosso dei 15000 punti. L’Approfondimento di questa settimana torna ad occuparsi dei Bonus e Twin Win già analizzati quaranta giorni fa per vedere cosa è cambiato in questa torrida estate. Nel complesso, il sell off dei mercati azionari ha provocato 75 eventi barriera su un totale di 318 certificati a capitale protetto condizionato. Appartengono a questa categoria anche il nuovo Bonus Cap di Macquarie, una delle novità della settimana, che fronteggia la speculazione proponendo una barriera a 8000 punti di FTSE Mib, e il Bonus Cap Quanto di Deutsche Bank, Certificato della settimana, che punta alla tenuta dei 772 punti di S&P500. Augurandovi, come di consueto, una buona lettura, vi invito a segnare in agenda la data del 19 ottobre 2011: gli ICA stanno per arrivare!

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

Lascia un commento