È uscito il Certificate Journal n.666

  • Print
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • PDF

Il caso Softbank ha acceso i riflettori sul comparto tecnologico americano e su una possibile bolla che potrebbe scoppiare sui mercati. Il Nasdaq sembra aver perso, infatti, lo smalto e i continui rialzi delle scorse settimane stanno lasciando spazio alla debolezza. Potrebbe anche solo trattarsi di un salutare consolidamento dopo il poderoso rialzo senza respiro messo a segno dai minimi di marzo, ma servono conferme. In questo scenario di incertezza siamo andati a cercare sul mercato alcune interessanti emissioni che potrebbero proprio prestarsi al consolidamento delle posizioni in guadagno o ancora a monetizzare l’alta volatilità che caratterizza i titoli quotati oltreoceano.
Proprio per un approccio prudente al mercato, questa volta quello di casa nostra, abbiamo analizzato le caratteristiche e le potenzialità del Fixed Cash Collect di Credit Suisse scritto su un paniere di titoli italiano che punta su un flusso di premi periodici mensili del 6% su base annua e con le barriere sui sottostanti posizionate al 50% degli strike. Sempre sul mercato italiano abbiamo messo gli occhi su Intesa Sanpaolo arrivata su livelli chiave e con un ampio gap da chiudere. Per chi volesse impostare delle strategie speculative sul principale titolo bancario italiano è presente un’ampia offerta di certificati a leva. Ricordiamo che questa settimana riprendono gli appuntamenti con gli eventi online. Si parte il 15 settembre con il Webinar di SocGen.

Se vuoi continuare a leggere l’articolo vai sul CJ n.666

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

Lascia una risposta