E’ uscito il Certificate Journal n.574

  • Print
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • PDF

La guerra dei dazi si fa sempre più aspra e a rispondere alla mosse di Trump, che ha imposto nuove tasse di importazione per 200 milioni di dollari per beni provenienti dalla Cina, ci ha pensato Jack Ma, fondatore di Alibaba, con il ritiro della promessa di un milione di posti di lavoro negli Stati Uniti. States che sono protagonisti del Certificato della settimana, dedicato a una nuova serie di Fixed Cash Collect dell’americana Goldman Sachs su una selezione di titoli a stelle e strisce. Spicca tra tutti una novità legata al titolo Mattel anche se il focus è rivolto a un Fixed Cash Collect scritto sul titolo Foot Locker, il gigante dell’abbigliamento sportivo presente in tutto il mondo. Rientrando nei nostri confini, a tenere banco è sempre la politica e in particolare modo i nodi da sciogliere per portare a termine il nuovo DEF, Documento di programmazione economica finanziaria. Il ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio continua ad invitare il ministro dell’economia a trovare le risorse per mantenere le promesse fatte durante la campagna elettorale anche a scapito di sforare il rapporto del Deficit Pil imposto dall’Europa. Al momento i mercati credono alle promesse di Tria che il limite non verrà infranto, ma le pressioni potrebbero riportare la volatilità sia sullo spread che di conseguenza sul mercato. Proprio per difendersi da movimenti erratici, BNP Paribas ha portato in quotazione una nuova serie di Stock Bonus dotati di una barriera osservata solo a scadenza legati ai principati titoli del listino italiano che abbiamo analizzato a fondo anche per la novità legata alla modalità di pricing. Altro tema di interesse, visto anche l’avvicinarsi dell’inverno, è il petrolio per il quale gli analisti prevedono scenari positivi. Per chi volesse puntare sull’oro nero, vi mostriamo tutto ciò che il segmento leverage mette a disposizione anche per approfittare dell’allargamento dello spread tra i due contratti Brent e WTI.

Se vuoi continuare a leggere l’articolo vai sul CJ n.574

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

Lascia una risposta