Un Express certificate con tre gambe

  • Print
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • PDF

Premio condizionato mensile anche in caso di ribassi moderati dei sottostanti e possibilità di scadenza anticipata sono i punti forti della proposta di Leonteq

La svizzera Leonteq ha lanciato un nuovo certificato Express con sottostanti dei titoli bancari: Banca Popolare dell’Emilia Romagna, Deutsche Bank e Julius Baer (ISIN CH0396949478). Il prodotto è adatto a investitori che si attendono un andamento laterale o leggermente rialzista delle azioni, propongono la possibilità di incassare un premio mensile condizionato (con memoria). La durata del certificato è di quattro anni (scadenza finale a febbraio 2022) ma a partire dalla sesta data di valutazione intermedia (agosto 2018) è offerta l’opportunità di scadenza anticipata.
L’Express certificate è dotato di una barriera che viene valutata solo a scadenza.

I premi mensili
Ogni mese, a partire da marzo 2018, il certificato paga un premio pari all’1% del valore nominale dello stesso, se alla data di osservazione intermedia il valore di tutti e tre i sottostanti è superiore o pari al 65% del rispettivo valore iniziale. L’investitore, quindi, riceve il pagamento anche se Bper, Deutsche Bank e Julius Baer hanno perso terreno, purché meno del 35% rispetto al valore iniziale. Se ciò accade, non viene pagato il premio ma il certificato prosegue fino alla data di osservazione del mese successivo. I premi mensili sono dotati di effetto memoria il che significa che, se in uno o più mesi non si verifica la condizione per l’incasso del premio, lo stesso non va perduto ma viene accumulato e pagato la prima volta che si verifica la condizione (o alla scadenza finale se la condizione si verifica solo alla scadenza finale).

La scadenza anticipata
Oltre all’incasso del premio condizionato, a partire dalla data di osservazione dell’agosto 2018, l’Express certificate può scadere anticipatamente. Perché ciò accada è necessario che la quotazione di tutti e tre i titoli sottostanti sia superiore o pari al Trigger level. In tal caso, oltre al pagamento del premio relativo alla data di osservazione (ed eventualmente dei premi accumulati), l’investitore si vede restituire il valore nominale del certificato. Il Trigger level è un livello che varia periodicamente, diminuendo. Per le date di rilevazione fino a febbraio 2019 compresa è posizionato al 100%. Ciò vuol dire che per avere la scadenza anticipata del certificato tutti e tre i sottostanti devono quotare a un valore superiore o pari al 100% del valore iniziale. A partire dalla rilevazione del marzo 2019 e fino a quella del febbraio 2020, il Trigger level scende al 95%. La tabella in pagina mostra come varia il Trigger level nel corso della vita del certificato.

Cosa succede a scadenza
Se in nessuna delle date di osservazione mensili i tre sottostanti si trovano sopra il rispettivo valore iniziale, l’Express certificate arriva alla scadenza finale dove entra in gioco la barriera, posizionata al 50% del valore iniziale di ciascuno dei tre sottostanti. Gli scenari possibili sono tre. Se Bper, Deutsche Bank e Julius Baer hanno un valore superiore o pari al 65% del valore iniziale scatta la condizione per il pagamento dell’ultimo premio (e degli eventuali premi accumulati). Viene restituito inoltre il valore nominale del certificato. Se la condizione per il pagamento del premio non si verifica ma tutti e tre i titoli sottostanti quotano a un livello superiore o pari alla barriera, non si avrà il pagamento del premio ma verrà restituito il valore nominale del certificato. Se infine, anche uno solo dei tre titoli azionari, quota alla data di valutazione finale sotto o alla pari con il livello barriera, viene restituito il valore nominale decurtato della performance negativa del peggiore tra Bper, Deutsche Bank e Julius Baer.

Cattura

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

Lascia una risposta