E’ uscito il Certificate Journal n. 533

  • Print
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • PDF

cj533

Incassate le buone indicazioni dei risultati trimestrali delle principali società del listino e confortati dall’accomodante gestione del tapering da parte della Federal Reserve da una parte e della BCE dall’altra, i mercati azionari hanno ripreso la marcia veloce dopo qualche seduta di riflessione.

Un trend, quello in atto, che non conosce soste degne di nota e che porta gli investitori a interrogarsi non più sull’eventualità che una correzione tecnica possa manifestarsi, ma piuttosto sul quando. Da qui la ricerca di strumenti in grado di smussare gli effetti negativi di un’eventuale fiammata di volatilità, che trova una risposta nei nuovi Fixed Cash Collect quotati da BNP Paribas in Borsa Italiana su una serie di 13 blue chips o nel Memory Express su indici che UBS ha portato in negoziazione da qualche settimana. In entrambi i casi, pur cercando di salvaguardare il capitale, i certificati hanno nelle corde la capacità di continuare a generare rendimenti in uno scenario di prolungato rialzo dei mercati, una condizione essenziale per chi ha scelto di non rimanere alla finestra ancora per lungo tempo.

Si consideri, ad esempio, l’8% offerto dal Fixed Cash Collect su FCA o il 5,2% di quello legato al titolo ENI, o ancora il 7,2% del certificato che lega il suo destino all’andamento del titolo STM, una storia di incredibile successo del mercato azionario con un rialzo del 172% nell’ultimo anno. Meritevole di attenzione da parte di chiunque abbia necessità di costruire posizioni azionarie con basso gradi di rischio è il Certificato della settimana, capace di generare un rendimento annuo del 4% e di salvaguardare il capitale grazie ad un’ampia rete di protezione condizionata del capitale agganciata a due indici azionari, ovvero il FTSE Mib e l’Eurostoxx 50.

All’indice paneuropeo è dedicata anche la rubrica dei certificati a leva, con l’Eurostoxx 50 sottostante di oltre 40 proposte a leva fissa e variabile, idonee sia per cavalcare operazioni di trading sia per strutturare una forma di copertura di portafoglio.

 

Se vuoi continuare a leggere l’articolo vai sul CJ n.533

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

Lascia una risposta