BANCOPOSTA A TUTTO HI-TECH

  • Print
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • PDF

Le regine dell’HI-Tech mondiale scendono in campo nel nuovo certificato di SocGen dedicato ai clienti di Bancoposta

FNE323Abbandonati i sottostanti più classici, BancoPosta allarga il ventaglio dei certificati offerti e dopo aver chiuso il collocamento dell’UBS 85% Capital Protected, per la prima volta legato a un sottostante non convenzionale, quale l’UBS Multi Asset Portfolio T5 Total Return Euro Index, spiana la strada al settore Hi-Tech, dal quale prende il nome, con un nuovo certificato legato a tre big del settore come Apple, Google e Amazon.com.

La struttura dell’Hi-Tech Certificate, che verrà emesso da SG Issuer di cui Société Générale è garante, richiama quella dei classici Express con opzioni autocallable semestrali, con durata complessiva di soli 18 mesi . Entrando più nel merito dello strumento, il 3 e 4 giugno prossimi verranno rilevati i prezzi di chiusura dei tre titoli tecnologici e con la loro media verranno fissati gli strike. Trascorsi 6 mesi, l’emittente procederà con una nuova rilevazione dei prezzi per verificare le condizioni per un eventuale rimborso anticipato. A tal fine se i livelli dei tre titoli, calcolati con la media dei prezzi dei giorni del 5 e 6 dicembre 2013, saranno almeno pari ai rispettivi livelli iniziali il certificato si autoestinguerà restituendo i 100 euro nominali maggiorati di un premio del 6,25%.

Diversamente, qualora anche solo uno dei tre titoli non rispettasse la condizione richiesta si procederà per ulteriori sei mesi dove a parità di condizioni si potrà ottenere un premio del 12,5%. Se anche in questo caso i prezzi del 5 e 6 giugno 2014 non saranno sufficienti a far esercitare l’opzione autocallable, si guarderà alla scadenza dove la buona riuscita dell’investimento potrà avvenire anche in caso di un andamento negativo dei titoli.

Infatti, se si giungerà al termine dei 18 mesi previsti sarà sufficiente che nessuno tra Apple, Google e Amazon.com abbia perso, con il livello calcolato con i prezzi del 2 e 3 dicembre, più del 38% per ottenere un rimborso complessivo di 118,75 euro per certificato. Violata la barriera invece si sarà esposti all’andamento del titolo che avrà performato peggio, al pari di un investimento diretto nello stesso, con il rimborso che non potrà essere superiore a 62 euro.

Un certificato dal profilo di rendimento interessante, il 12,5% su base annua, legato alle maggiori tre aziende tecnologiche a livello mondiale. Alla classica opzione autocallable si affianca un profilo di payoff a scadenza di sicuro interesse visto che l’asticella per il rimborso a premio scenderà per l’occasione al livello barriera. Questa è posta a un livello ragguardevole, tuttavia, vista l’elevata volatilità dei titoli, è bene tenere conto che l’investimento comporta un rischio di tipo azionario.  Infine, la sottoscrizione in esclusiva per i clienti del TradingOnline BancoPosta, avrà termine il 20 maggio mentre a partire dal 20 giugno il certificato sarà negoziabile sul Cert-X di EuroTLX.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

Lascia una risposta