FIAT PRENDE VELOCITA’

  • Print
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • PDF

Percorso frenetico quello del titolo del Lingotto. Lo Speedy Bonus di RBS per mettere sotto chiave i guadagni dell’ultimo anno.

Il passaporto a stelle e strisce non ha permesso al titolo Fiat di allineare l’andamento delle proprie quotazioni a quello dei listini americani. Vuoi per l’identità europea o per la crisi automobilistica del Vecchio Continente e la difficoltà di avviare piani strutturali concreti sotto marchio Fabbrica Italiana Automobili Torino, con una volatilità implicita di oltre il 47% si piazza di diritto tra i titoli non bancari all’interno dell’indice FTSE Mib con la volatilità più alta. Gli strappi al rialzo tra un rimbalzo e una correzione, hanno tuttavia permesso al titolo del Lingotto di segnare una performance ad un anno di circa il 35% rispetto ai 4,59 euro a cui è scambiata su Borsa Italiana in data 6 maggio.

A livello grafico, il titolo si riporta così per la quinta volta sui massimi della congestione che, tolto l’exploit a cavallo tra il 2010 e il 2011, lo vede ingabbiato dopo il bottom del 2009 tra un top posto in area 5 euro ed un floor a 3,35 euro. L’esito positivo della trimestrale e le parole di Marchionne sulla crescita di Chrysler hanno tuttavia visto il titolo testare a più riprese nelle ultime settimane la resistenza, con una perdita di forza decrescente che farebbe pensare al titolo in rincorsa prima della rottura al rialzo. I volumi decrescenti pongono tuttavia alcune perplessità sul timing lasciando spazio a possibili nuove ricadute verso i minimi con una prima area di supporto posta sui 4 euro.

Un ribasso del 24,3% che sarebbe sufficiente a mettere a repentaglio la barriera dello Speedy Bonus di RBS, identificato da codice Isin GB00B9D3V385, certificato di questa settimana, selezionato per le interessanti prospettive anche in termini di switch. Vediamone il funzionamento.

Rilevato uno strike a 4,342 euro e fissata la barriera al rispettivo 80%, equivalente a 3,474 euro, alla scadenza del 19 marzo 2014 il certificato rimborserà 113 euro ogni 100 di nominale se il titolo Fiat avrà rilevato un prezzo di chiusura pari o superiore alla barriera knock out. Altrimenti il rimborso si aggancerà alla performance effettiva di Fiat rispetto al livello iniziale, ovvero in caso di variazione effettiva inferiore al 20% o superiore al 13% rispetto al livello iniziale, facendo diventare lo  Speedy Bonus un classico certificato benchmark.

CDS323

Passando ai book di negoziazione, esposto ad un prezzo lettera pari a 101,35 euro rispetto ai 4,59 euro del sottostante, il certificato lascia spazio ad un upside minimo dell’11,4% fino a ribassi del titolo automobilistico del 24,3%. In virtù di una quotazione a sconto rispetto alla componente lineare, in relazione all’investimento diretto nel sottostante, il payoff a scadenza del certificato segnala una performance sempre migliore, rendendo così lo strumento interessante in termini di switch dal titolo azionario. Chi avesse infatti beneficiato del rialzo di Fiat, rispetto ad un acquisto ad un ipotetico valore di 3,80 euro, qualora fosse intenzionato a mantener il titolo in portafoglio, migliorerebbe di gran lunga la propria esposizione in qualsiasi scenario qualora decidesse di portare i certificati  a scadenza, allargando inoltre la finestra entro la quale chiudere l’operazione con segno più. In virtù di una barriera valida unicamente a scadenza inoltre, anche lungo la durata residua rispetto ad un’esposizione diretta il certificato permetterà di assorbire l’eventuale strappo al ribasso del sottostante. La breve durata residua e l’assenza di dividendi, permettono infine di incrementare il valore del delta del certificato, per variazioni positive del sottostante.

Per chi invece considerasse lo Speedy Bonus come asset finanziario a sé stante, da segnalare il pericolo evento barriera. La perdita di momentum da parte del sottostante ed una correzione tale da rompere il supporto posto sui  4 euro, renderebbe altamente probabile la caduta di Fiat verso il floor del corridoio. Rispetto alle condizioni correnti del mercato, la probabilità di mancato evento barriera a scadenza secondo l’indicatore proprietario CED|Probability è pari al 75%.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

Lascia una risposta